La Poli parte con un pareggio amaro in campionato

CALCIO - TERZA CATEGORIA

San Fruttuoso – Polisportiva Veranese 1-1

San Fruttuoso: Del Felice, Baldo, Brambilla, Mosca, Dramisino, Cavalleretti T. (81’ Namane), Larionesi (77’ Cacciaguida), Tanfoglio, Zoggia (90’ Arosio), Coletta (61’ Colnaghi), Colombo. All. Cavalleretti Roberto

Polisportiva Veranese: Brambilla, Mazzucco, Franceschin, Panin, Locatelli, Figini (87’ Succu), Libardi, Andreotti (82’ Milesi), Gagliano, Mazzocco (90’ Bazzali), Suppa (93’ Brera). All. Belcastro

Arbitro: Valtorta di Seregno

Marcatori: 57’ Cavalletti T. (SF), 77’ Libardi su rigore

Note- Espulsi: Baldo per doppia ammonizione (SF) Franceschin per fallo da ultimo uomo (PV); Ammoniti: Dramisino, Baldo (SF), Mazzocco e Locatelli (PV)

MONZA – La Polisportiva torna da Monza con un punto e la consapevolezza di poter fare meglio. “Il risultato ci lascia l’amaro in bocca – commenta mister Salvatore Belcastro al termine del match – e non mi va di nascondermi: meritavamo di vincere perché la partita l’abbiamo fatta solo noi. Loro han fatto un tiro nello specchio della porta e hanno segnato mentre noi abbiamo cercato di limitare i danni, con un uomo in meno, e siamo riusciti a raddrizzare la situazione con un rigore a mio avviso netto. Abbiamo avuto poca incisività in area di rigore ma le sensazioni sono positive. Ripartiamo per fare meglio settimana prossima in casa”. Dopo un primo tempo aperto con la Poli votata in attacco ma poco precisa e i monzesi senza particolari guizzi, arriva al rientro in campo dopo l’intervallo, il gol di Cavalleretti che calcia una punizione apparentemente innocua ma che beffa il portiere veranese: il numero uno della Poli sbaglia l’uscita e la palla si insacca a pallonetto per il vantaggio locale. Al 77’ il fallo di Baldo su Suppa viene punito dal direttore di gara con il massimo della pena: rigore per la Polisportiva e Libardi trasforma per l’1-1 finale. Prossima gara domenica 25 settembre allo Stadio “Claudio Casati” di Verano Brianza dove i gialloneri accoglieranno il Misinto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *